07/2022 ONAOSI


Pier Angelo Arlandini

Caro Collega,

al fine di presentare la Fondazione ONAOSI ai neo iscritti ed illustrare i vantaggi e le modalità di iscrizione allo stesso Ente, la Commissione Albo Odontoiatri nazionale ha predisposto, con la collaborazione del Dott. Andrea Vantaggiato - Componente del Comitato d’Indirizzo ONAOSI -, la comunicazione che riportiamo.

Roma, 9 giugno 2022

Il Presidente CAO
Raffaele Iandolo

 

Caro Collega,

con l’iscrizione all’Ordine avrai accesso a due grandi Fondazioni che ti affiancheranno nella vita professionale (ed anche dopo…): la Fondazione ENPAM (Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza dei Medici e degli Odontoiatri) e la Fondazione ONAOSI (Opera Nazionale Assistenza Orfani Sanitari Italiani).

La Fondazione ONAOSI è nata alla fine dell’Ottocento, ha per scopo primario il sostegno, l’educazione, l’istruzione e la formazione degli orfani dei Sanitari contribuenti (medici chirurghi, odontoiatri, veterinari e farmacisti), per consentire loro di conseguire un titolo di studio e di accedere all’esercizio di una professione o di un’arte.

La Fondazione eroga prestazioni non solo in favore degli orfani, ma anche di figli di contribuenti viventi, dei contribuenti in condizioni di comprovato disagio economico, sociale e professionale e con invalidità civile o con disabilità.

Accedono alle prestazioni della Fondazione, secondo il Regolamento di prestazioni e servizi:

- gli orfani dei contribuenti obbligatori e volontari che, alla data del decesso, risultino iscritti e in regola con i versamenti dei contributi;

- i figli dei contribuenti obbligatori e volontari dichiarati totalmente e permanentemente inabili all’esercizio della professione, in regola con i versamenti e con cancellazione dai rispettivi Ordini provinciali;

- i figli dei contribuenti obbligatori cessati dal servizio, anche per dimissioni volontarie, oppure con sessanta anni di età e che abbiano, in ogni caso, un minimo di trenta anni di contribuzione complessiva e che mantengano la contribuzione ONAOSI;

- i figli dei contribuenti volontari che, avendo un minimo di sessanta anni di età, abbiano versato complessivamente il contributo annuale per almeno trenta anni e che mantengano la contribuzione nella Fondazione.

Inoltre una volta assicurate le prestazioni ed i servizi di cui sopra, la Fondazione eroga prestazioni:

- ai figli del contribuente vivente, il quale si trovi in situazioni di grave e documentata difficoltà economica;

- ai figli dei contribuenti anche in caso di decesso del genitore non sanitario;

- ai contribuenti in condizioni di comprovato disagio economico, sociale e professionale al fine del loro recupero lavorativo;

- ai contribuenti disabili e agli ex contribuenti, se indigenti, qualora essi non usufruiscano in concreto di prestazioni erogate da altri Enti allo stesso titolo.

Le prestazioni e i servizi erogati sono:

  •  Ammissione in strutture (Collegi e Centri Formativi) sia per assistiti (gratuitamente) che per figli di contribuenti;
  •  interventi diretti a favorire la formazione;
  •  interventi speciali a favore dei disabili;
  •  realizzare forme di intervento nei confronti dei Sanitari e dei loro familiari in situazioni di particolari difficoltà e disagio sociale;
  •  elaborare e attuare proposte formative o di aggiornamento, volte a facilitare l’inserimento e l’affermazione dei giovani nel mondo del lavoro;
  •  realizzare attività socio-culturali;
  •  realizzare ogni altra attività, coerente con i propri fini istituzionali di assistenza e solidarietà nei confronti dei Sanitari.

Tutti i Sanitari possono iscriversi all’ONAOSI per garantire ed assicurare il futuro dei propri figli.

I contribuenti sono di due categorie: obbligatori e volontari.
Sono contribuenti obbligatori della Fondazione ai sensi di legge tutti i Sanitari, dipendenti pubblici, iscritti ai rispettivi Ordini professionali italiani dei medici chirurghi, odontoiatri, medici veterinari e farmacisti.
Sono contribuenti volontari della Fondazione tutti gli altri sanitari laureati in medicina e chirurgia, odontoiatria, medicina veterinaria e farmacia, liberi professionisti, convenzionati col SSN e dipendenti di strutture private che ne facciano richiesta a condizione che la stessa richiesta venga accolta.

Per i contribuenti volontari è necessario un atto di iscrizione volontaria e il pagamento di una quota che varia in base agli anni di iscrizione all’Ordine ed in base al reddito. I contribuenti volontari devono versare la quota annuale entro il 31 marzo di ogni anno.

Per i sanitari neoiscritti rispettivamente agli Albi provinciali dei medici chirurghi, odontoiatri, medici veterinari e farmacisti, è ammessa la facoltà di iscriversi come contribuenti volontari entro 10 anni dalla data di prima iscrizione all'albo. I contribuenti volontari che si iscrivano all’ONAOSI dopo il quinto anno di iscrizione all’albo professionale dovranno all’atto dell’iscrizione versare alla Fondazione una somma supplementare pari alle quote arretrate successive al quinto anno. Trascorso inutilmente il termine di dieci anni dalla prima iscrizione all’Albo, la domanda di iscrizione volontaria non è accoglibile.

L’ONAOSI, rivolgendosi a chi si affaccia al mondo del lavoro, stipula inoltre convenzioni bancarie per intercettare i bisogni di giovani Sanitari liberi professionisti.

L'iscrizione ONAOSI - soprattutto per i giovani sanitari neolaureati - costituisce una forma di tutela assicurativa prevido-assistenziale a favore dei figli dei Sanitari italiani e della loro famiglia fondata sulla solidarietà interprofessionale.

Il 33% degli interventi in favore di SANITARI IN DIFFICOLTA’ ECONOMICA sono erogati a favore di CONTRIBUENTI VOLONTARI (che pur rappresentano solo il 6% degli iscritti alla Fondazione) dei quali fanno ovviamente parte la maggior parte degli odontoiatri contribuenti.
Se in termini assicurativi la “premorienza” garantisce agli eredi di un assicurato una determinata somma in denaro, L’ONAOSI consente invece coi propri servizi, economici e educativi, una assistenza estesa oggi sino al trentesimo anno di età, o sino al conseguimento di adeguata formazione universitaria e post-universitaria e favorendo l’inserimento nel mondo del lavoro con l’organizzazione di ulteriori corsi e stage.
Gli studi attuariali della Fondazione rilevano che la “PROBABILITÀ DI LASCIARE ORFANI” si assesta fra i livelli più alti nel periodo 33 – 45 anni (nelle donne 31-41, negli uomini 32-46).
Un vantaggio per il giovane iscritto è inoltre sicuramente quello di usufruire delle strutture universitarie della Fondazione per poter frequentare un corso di specializzazione post laurea.
Sempre per i Contribuenti c’è la possibilità di trascorrere delle settimane in vacanza presso le strutture a questo adibite nelle località marine e montane di proprietà dell’ONAOSI.
Il costo per i neoiscritti (entro il quinto anno) con reddito complessivo ≤ 20.000 euro è di 33,80 euro annui, mentre per i neoiscritti con reddito complessivo 20.000 ≤ 40.000 euro è di 101,50 euro annui.

È evidente che tu, giovane odontoiatra, comprenda pertanto l’importanza dell’iscrizione quanto prima all’Opera, anche per non incorrere nella impossibilità legata alla scadenza statutaria dei termini.

Torna Indietro    Torna alla Home