03/2022 DOMANDE DI SUSSIDIO PER GLI ISCRITTI ALL'ENPAM LIBERI PROFESSIONISTI, POSITIVI AL COVID-19

 


Graziella Reposi

Sul N. 6 e N. 10/2021 di Alessandria Medica ho pubblicato la notizia riguardante la possibilità di richiesta all’ENPAM da parte degli iscritti liberi professionisti di un apposito sussidio per coloro che sono stati contagiati dal Covid. Considerato che nell’ultimo periodo si sono verificati altri contagi, reputo opportuno rammentare ai Colleghi questa opportunità.

Ricordo che il sussidio, che parte da un minimo di 600,00 euro fino a 5.000,00 euro a seconda della gravità della malattia è riservato ai soli medici e odontoiatri che svolgono attività libero professionale, è esentasse e viene concesso a prescindere dal reddito. Ma il suo importo definitivo è proporzionale all’aliquota contributiva pagata dal libero professionista alla Quota B e alla gravità della malattia: 600,00 euro in caso di contagio, 3.000,00 euro in corso di ricovero ospedaliero e 5.000,00 euro per chi è in terapia intensiva.

Se è stata versata la Quota B ridotta (la metà dell’aliquota intera o il 2%), l’importo del sussidio sarà calcolato tenendo conto del rapporto fra l’aliquota pagata e l’aliquota intera in vigore nello stesso anno.

 

Al momento di compilare la domanda per il sussidio occorrerà scegliere se si vorrà pagare la Quota B intera o ridotta. Questa scelta non potrà essere modificata all’atto della compilazione del modello D 2022 per la denuncia all’ENPAM del reddito libero professionale netto 2021.

La domanda si presenta tramite l’Area Riservata del singolo iscritto sul sito Enpam, senza dover attendere il tampone negativo di guarigione.

Se nel corso della malattia la condizione si aggrava è possibile accedere alla successiva fascia del sussidio di valore più alto.

Quando la malattia si protrae oltre i trenta giorni, dal trentunesimo giorno scatta in sostituzione del sussidio la copertura ordinaria Enpam per inabilità temporanea dei liberi professionisti, in quanto il periodo iniziale della malattia di 30 giorni non è coperto per i liberi professionisti dalla tutela per inabilità temporanea che inizia invece soltanto dal 31° giorno di malattia.

Hanno diritto al sussidio anche i liberi professionisti pensionati che esercitano ancora la libera professione, ma in questo caso sono previsti requisiti relativi al reddito.

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

La richiesta si fa direttamente tramite l’Area Riservata. Una volta entrati, cliccare su Domande e dichiarazioni online e poi su Sussidio per contagiati Covid-19.

Per chi è impossibilitato a fare domanda (per esempio è ricoverato per Covid) oppure nel caso in cui la richiesta venga fatta dai familiari dell’iscritto deceduto, esiste un apposito modulo riservato ai familiari degli iscritti contagiati che sono impossibilitati a fare domanda di sussidio dall’Area Riservata, perché sono stati ricoverati in ospedale. In mancanza di un familiare, il modulo reperibile nel sito dell’Enpam e sul sito dell’Ordine, può essere presentato anche da una terza persona.

TERMINE PER L’EROGAZIONE DEL SUSSIDIO

Dal momento della presentazione della domanda al versamento del bonifico ENPAM sul conto corrente del richiedente trascorrono al massimo 30 giorni considerato che l’Ente provvede ai versamenti con cadenza mensile.

Qualora fosse presente un’irregolarità contributiva nella Quota B che dovrà essere sanata nel più breve tempo possibile, si possono determinare tempi più lunghi per l’accoglimento della richiesta e l’erogazione del sussidio.

Torna Indietro    Torna alla Home