03/2021 ENPAM - PREVIDENZA PER GLI ISCRITTI IMMUNODEPRESSI

Graziella Reposi

 

Per gli iscritti che sono in condizioni di immunodepressione è ora disponibile sul sito dell’Enpam (www.enpam.it) una pagina che riguarda l’indennità specifica e contiene il modulo specifico per fare domanda.

La tutela è dedicata ai medici e ai dentisti convenzionati col SSN che hanno dovuto sospendere l’attività perché, a causa della loro condizione di immunodeficienza, connessa a patologie oncologiche o a terapie salvavita, si sono trovati particolarmente a rischio per poter esercitare la professione durante la pandemia da Covid-19.

 

AVENTI DIRITTO

Possono chiedere l’indennità: i medici di assistenza primaria, di continuità assistenziale, di emergenza territoriale, i pediatri di libera scelta, gli specialisti ambulatoriali ed i medici della medicina dei servizi che:

  • sono stati costretti a sospendere l’attività professionale a causa del rischio sanitario legato all’emergenza Covid-19;
  • sono in possesso di un certificato rilasciato dagli organi medico legali competenti che attesta una condizione di rischio causata da immunodepressione, da esiti da patologie oncologiche o dallo svolgimento di relative terapie salvavita (ai sensi dell’articolo 3, comma 1, della Legge 104/1992).

 

CALCOLO DELL’INDENNITA’

L’indennità, che in ogni caso è rapportata al mancato guadagno nel periodo di inattività, può coprire o la perdita degli introiti causata dall’assenza dal lavoro oppure le spese per il pagamento di un sostituto, per un massimo di due mesi.

In entrambi i casi è calcolata in percentuale rispetto al compenso professionale giornaliero.

Invece per i nuovi convenzionati, che nel mese precedente all’interruzione dell’attività per tali motivi non hanno ancora maturato il compenso professionale, l’indennità è forfetaria.

 

In caso di richiesta di risarcimento del mancato guadagno:

  • l’indennità è 1/30 del 62,5% del compenso professionale, assoggettato a contribuzione Enpam, percepito nell’ultimo mese di attività convenzionale precedente alla sospensione dell’attività professionale.

 

 In caso di richiesta di rimborso delle spese di sostituzione:

  • l’indennità non può superare il 62,5% del compenso professionale, assoggettato a contribuzione Enpam, percepito nel mese di attività convenzionale precedente alla sospensione dell’attività professionale. Il calcolo sarà rapportato al periodo effettivo della sospensione dell’attività professionale.

 

INCOMPATIBILITÀ

Hanno diritto all’indennità i medici e gli odontoiatri che non hanno beneficiato di:

  • tutele analoghe a quelle adottate per i medici e per gli odontoiatri dipendenti del Ssn;
  • indennità per inabilità temporanea;
  • indennità di maternità;
  • indennità per gravidanza a rischio riconosciuta ai sensi dell’articolo 8 del Regolamento Enpam a tutela della genitorialità;
  • indennità di quarantena.

LA DOMANDA

Unitamente alla domanda è necessario inviare un certificato rilasciato dagli organi medico legali competenti che attesti una condizione di rischio causata da immunodepressione, da esiti da patologie oncologiche o dallo svolgimento di relative terapie salvavita.

I medici e gli odontoiatri nuovi convenzionati dovranno anche allegare un’autocertificazione che attesti la data di inizio dell’attività.

icon Scarica le Istruzioni e la Domanda di indennità per Immunodepressi/Covid-19

Torna Indietro    Torna alla Home